Io & Marley, John Grogan

Io & Marley

Tutti conoscono questo pasticcione!

Lo sgridai e provai di nuovo. E di nuovo. Ogni volta mi concedeva di allontanarmi un po’ di più prima di caricare. Alla fine stavo a circa quindici metri di distanza in mezzo al cortile, il palmo in fuori verso di lui. Aspettai. Sedeva, bloccato in posizione, l’intero corpo che tremava per l’anticipazione. Potevo vedere l’energia nervosa che si stava accumulando in lui; era come un vulcano pronto a esplodere. Ma tenne duro. Contai fino a dieci. Non si mosse. Aveva gli occhi fissi su di me; i muscoli sporgenti. Okay, basta tortura, pensai. Abbassai la mano e gridai: «Marley, vieni!»

Mentre si catapultava in avanti, mi acquattai e battei le mani per incoraggiarlo. Pensai che avrebbe potuto precipitarsi a casaccio attraverso il cortile, ma venne invece avanti dritto. Perfetto! pensai. «Su, bello!» lo incitai. «Su ». E venne. Stava sopraggiungendo a tutta birra verso di me. «Rallenta!» dissi. Ma continuava ad avanzare. «Rallenta!» Aveva quell’espressione assente e un po’ folle sul muso, e un istante prima dell’impatto mi resi conto che il pilota aveva abbandonato il timone. Era una mandria impazzita formata da un unico cane. Ebbi il tempo per un ultimo comando. «Stop!» gridai. Bam! Mi finì addosso senza rallentare e io caddi indietro, sbattendo forte per terra. Quando aprii gli occhi qualche secondo dopo, mi stava a cavalcioni con tutte e quattro le zampe, sdraiato sul mio petto, leccandomi disperatamente la faccia. Come me la sono cavata, boss? Tecnicamente parlando, aveva eseguito esattamente i miei ordini. Dopotutto, non gli avevo detto di fermarsi mentre mi stava raggiungendo.

«Missione compiuta », asserii con un gemito.

Descrizione 

John e Jenny decidono di adottare un cane per fare pratica come genitori e scelgono Marley, un esuberante cucciolo di labrador che presto si trasforma in un gigante maldestro e restio ad ogni tentativo di addestramento. Seppur totalmente indisciplinato e iperattivo, Marley ha un cuore puro e innocente e sa riconquistare ogni volta l’affetto dei padroni. Questa è la sua storia, la storia di un eterno cucciolo che ha condiviso le gioie e i dolori della famiglia mentre questa cresceva, se ne è sentito parte anche nei periodi in cui nessuno voleva più saperne di lui e soprattutto è stato, per tutta la sua esistenza, un distruttivo, insostituibile modello d’amore e fedeltà.

Il mio parere

Chi non conosce Marley? Tra libro e film penso sia diventato uno dei cani più famosi degli ultimi anni. Personalmente tremo all’idea di vedere un film o leggere un libro con protagonista un cane che non fa che combinare disastri. Mi irrita che i cani vengano rappresentati come dei tornado a quattro zampe, inetti, insopportabili, imbranati distruttori. Ho letto il libro prima di vedere il film…e ho tirato un sospiro di sollievo. Marley è davvero un tornado ma non si può non provare simpatia per lui. A volte mi sono trovata ad esclamare: “No, non è possibile!”…e invece sì. È vero, tutto vero. Marley ne ha combinate parecchie! Viene messo a nudo in tutti i suoi pregi e difetti dall’amico di una vita, John Grogan, autore dallo stile narrativo che sfila più di una risata.

Per me 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

…e per chi ama le letture a quattro zampe…

Uno sguardo a Pedro, Il Gentilcane

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...