Con quello sguardo un po’ così, Frauke Scheunemann

Con quello sguardo un po' così - Frauke Scheunemann - Mondadori Store

Un simpatico bassotto di nome Ercole

 Descrizione

Ultimo discendente di una blasonata famiglia di bassotti, Carl-Leopold von Eschersbach non riesce in alcun modo ad abituarsi alla vita proletaria del canile in cui è stato abbandonato. Così, quando una ragazza di nome Carolin lo porta a casa con sé, il cucciolo è pazzo di gioia. Carolin è il miglior essere umano al mondo, ne è sicuro. E che importa se decide di chiamarlo Ercole? Se a lei piace quel nome buffo e un po’ ridicolo, piacerà anche a lui. Perché ora la sua vita di bassotto è proprio bella. Certo, sarebbe meglio se non ci fosse Thomas, il fidanzato di Carolin. Lui è prepotente, rumoroso e ha un odore insopportabile. E, come se non bastasse, tratta male Carolin. Per questo, Ercole escogita un piano ingegnoso per aiutare la sua padroncina a sbarazzarsi di Thomas e a trovare un nuovo fidanzato… con un odore migliore!

***

Ecco cosa potrebbero pensare alcuni cani del nome scelto per loro.

«Allora, piccolino, ho pensato a tutto: cuccia, guinzaglio, ciotola e crocchette. Quindi manca solo una cosa…» Io scuoto la testa, per i miei gusti direi che non manca nulla. «Manca ancora un bel nome.»

Mi scappa un guaito di stupore: ma io ce l’ho già un bel nome! Vuoi vedere che von Eschersbach mi ha mollato al canile semplicemente così?! Senza raccontare niente della mia storia? Che umano senza cuore!

Carolin si accorge della mia disperazione, mi prende in grembo e ci guardiamo dritto negli occhi. «Mmm, allora vediamo…Come potrebbe chiamarsi un tipetto come te? Che cosa mi sembri?»

Cerco di tirare fuori il petto provando a darmi un’aria distinta, magari ci arriva da sola a Carl-Leopold. Per sottolineare la mia posa abbaio ancora due volte in maniera marziale. Avanti Carolin, concentrati!

«Certo non sei un cane comune, dimostri carattere. Dentro sei sicuramente più grande che fuori.»

Sì! Esatto! Dai che ci sei! Getto indietro la testa con fare regale.

«Ci sono! Ti chiamerò Ercole.»

Come, scusa? Ercole? Antico greco anziché antico nobile?

Ercole! E va bene. Carolin non avrà gusto nella scelta dei nomi per bassotti e io dovrò semplicemente abituarmi a questo nuovo e strano nome.

…e cosa temono quando sono sottoposti a visita medica!

«Allora Ercole, fammi vedere.»

Daniel si avvicina e sposta delicatamente il mio orecchio in avanti. Io guaisco un po’ più forte. Daniel tasta il bozzo e inizia a farsi spazio tra i peli.

«Già. Come immaginavo.»

Carolin lo guarda preoccupata. «Grave?»

Che paura! Ora mi preoccupo anch’io. Mi cadrà l’orecchio? No, perché, non solo l’udito è importante per un cane da caccia, ma senza un orecchio sarei anche il bassotto più brutto del mondo.

Poi c’è il Signor Beck, il gatto maturo che la sa lunga sulla psicologia umana, perché ha sempre osservato dai suoi cantucci.

«Il mio più grosso problema? Fammi capire, dall’altra parte troveremo le prove che von Escherbach aveva le allucinazioni e che io in realtà sono di razza pura?»

Già mi immagino una genealogia, lunga quanto un rotolo di carta da cucina, con stampato il mio nome.

Beck soffia. «Ma che sciocchezza! Non si tratta di quelle fesserie araldiche. Quelle non interessano a nessuno. Il tuo problema è Thomas.»

«Beh, insomma.»

«Mi hai detto che vuole liberarsi di te, no?»

«Giusto.»

«E quindi?»

«E quindi devo comportarmi meglio?»

«Risposta sbagliata! Quindi devi anticiparlo. Sei tu che devi liberarti di lui. E farlo prima che lui abbia tempo di rispedirti in canile.»

Il mio parere

Se si vuol passare qualche ora in compagnia di un libro leggero, eccolo. Mi viene spontaneo accostare questo simpatico romanzo a quei film per famiglie dove gli animali parlano tra loro, pianificano tattiche per risolvere situazioni e nella loro ingenuità combinano qualche guaio. Una lettura scanzonata che fa tuttavia notare quanto sia differente il concetto di felicità tra uomini e animali. Ritroviamo il piccolo e un po’ buffo Ercole ed il suo amico gatto, il Signor Beck, alle prese con un nuovo dilemma sulla psicologia umana e le loro strane dinamiche, nel seguito intitolato ‘Amici, amanti e altri animali’

Visita la pagina Libri di cani e gatti per scoprire altri libri.

…e per chi ama le letture a quattro zampe…

Uno sguardo a Pedro, Il Gentilcane e Ti do una zampa

Annunci

Una risposta a “Con quello sguardo un po’ così, Frauke Scheunemann

  1. Pingback: Amici, amanti & altri animali, Frauke Scheunemann | SaettadicePensieriaquattrozampe·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...